Per migliorare le performance ambientali dei materiali da costruzione, è necessario per prima cosa misurarle

I temi del rispetto ambientale, dei costi energetici in continua crescita, la consapevolezza diffusa del cambiamento climatico in atto e del riscaldamento globale hanno fatto guadagnare velocità al trend di crescita del GreenBuilding a livello mondiale.

Le costruzioni, infatti, hanno un profondo impatto sull’ambiente naturale e, migliorarne le performance ambientali è oggi una priorità per far fronte alle sfide del cambiamento climatico.

Oggi l’edilizia è al centro dei problemi di sostenibilità a livello mondiale perché:
  1. produce il 40% di emissioni di CO2
  2. è responsabile dell’utilizzo del 35% delle risorse ambientali
  3. è responsabile del 38% dei rifiuti
  4. ha impatto sulla salute umana (Sindrome dell’edificio malato)

In questo contesto Kerakoll ha iniziato nel 2000 uno studio preliminare sull’impatto ambientale dei prodotti chimici per l’edilizia. Sulla base di un’ampia letteratura sugli effetti sulla salute e sull’ambiente è stato sviluppato il GreenBuilding Rating, il primo metodo di valutazione per guidare lo sviluppo di prodotti più rispettosi dell’ambiente ed aiutare il consumatore nella sua scelta, colmando un vuoto legislativo e mettendo ordine nel proliferare di una serie di classificazioni ambientali volontarie, frammentarie ed incomplete.

Il GreenBuilding Rating è stato creato per fornire al mercato edilizio uno strumento in grado di orientare la progettazione e la costruzione di edifici ecocompatibili utilizzando prodotti verdi che contribuiscono ad un ambiente sano e sicuro per l’uomo e la natura riducendo l’impatto ambientale quando sono utilizzati o distrutti.

Il  GreenBuilding Rating è lo standard per misurare le performance ambientali dei materiali da costruzione al fine di:
  1. standardizzare una metodologia misurabile di ciò che è un prodotto verde
  2. migliorare le performance ambientali nel tempo
  3. incoraggiare lo sviluppo di prodotti verdi tra i produttori
  4. sensibilizzare l’opinione pubblica sui benefici del GreenBuilding
  5. trasformare il settore dell’edilizia verso la sostenibilità.

 

Il GreenBuilding Rating prende in considerazione 6 grandi settori di rilevanza ambientale:
  1. recupero e riciclo di minerali naturali
  2. riduzione delle emissioni di CO2 in aria
  3. uso ridotto delle sostanze nocive per la salute e l’ambiente
  4. qualità dell’aria indoor
  5. migliore efficienza energetica
  6. riciclabilità a fine vita

Le tecnologie Kerakoll amiche del clima possono contribuire a creare ambienti gradevoli e più sani in cui vivere e lavorare partecipando attivamente a ridurre le emissioni di Co2 e possono essere applicate a tutti gli edifici come costruzioni nuove ed esistenti, ambienti commerciali, strutture interne ed esterne, abitazioni, scuole, infrastrutture e nel settore sanitario.